11 commenti su “Alberto Cola – Mekong

  1. Cola è un autore molto interessante, assimilabile a un artigiano per la cura con cui costruisce le sue ambientazioni. Mi piacerebbe vederlo all’opera in un contesto di collaborazione, vedere se e come riuscirebbe ad adattare il suo modo di scrivere alla presenza diun altro autore.

    • Per me era il primo contatto con questo autore. Credo sia normale, in una raccolta di racconti, trovare alti e bassi, sono sicuro che in ambito romanzesco riservi invece particolari sorprese. :)

  2. Considero Cola un bravo autore, il suo LAZARUS è stato un buon romanzo , con qualche difetto ma comunque un buon romanzo.
    Da seguire. :)

    • Come dicevo ad Angelo qui su, sicuramente nel contesto romanzesco deve avere una marcia particolare, Cola. Appena potrò leggere un suo romanzo. :)

  3. Oh, mamma! La mia reading list continua ad allungarsi!

  4. I miei due cent: Alberto Cola è decisamente meglio sulla lunghezza del racconto che su quella del romanzo. Credo anzi ci siano pochi autori migliori di lui sulla corta distanza, sia per quanto riguarda il fascino di personaggi e ambienti, sia dal punto di vista creativo. Probailmente Mekong è l’antologia di un singolo autore di fantascienza italiana col maggior tasso di qualità. In assoluto.

    Una nota a parte su uno dei difetti che il recensore gli imputa: “In tutto ciò non aiuta la scelta dell’autore di non adottare sempre la riga vuota per marcare il cambiamento di una scena: così il lettore si trova spiazzato, nel veder cambiare completamente la situazione narrativa da una riga all’altra..
    Per quella che è la mia esperienza con altri ebook di Delos, il difetto che sottolinei potrebbe dipendere dall’editore e non dall’autore.

    • È probabile, ma mi aveva messo il dubbio il fatto che in alcuni casi la riga vuota era ben presente. Comunque, che sia da imputarsi a Cola o a Delos, è un fatto che spiazza notevolmente…

  5. Pingback: Alberto Cola – Mekong « My scrapbook

I commenti sono chiusi.