14 comments on “Il Prigioniero – The Prisoner

  1. Questo tipo di articoli è l’esempio di come non solo si possa ma si debba fare qualche approfondimento sui temi e sulla natura di cose apparentemente semplici come una serie di telefilm. Sappiamo benissimo di come si sia oltre ogni soglia di attenzione standard sul web e che non è popolare parlare di serie come questa. Il punto è che ne vale la pena. Bravi!

  2. Articolo colossale, mi complimento.
    Il Prigioniero rimane un frammento essenziale della mia formazione.
    Perché guardare la serie da ragazzino, in bianco e nero, era una esperienza formativa.
    Io ero soprattutto un fan di Agente Speciale alias The Avengers (e qui pubblicamente opziono un pezzo sulla fantasicenza in quella serie – sarà lungo scriverlo, ma lo devo ad Emma Peel), ma il Prigioniero era un interessante contrappunto.
    Oggi posso nascoindermi dietro considerazioni molto cool – due face degli swinging sixties, due modi diversi di rappresentare l’eccentricità britannica…
    Ma sul momento, dal vivo, anche se nessuno se ne rendeva conto, si trattava di una piccola scuola di anticonformism, molto ben mascherata.
    Agente Speciale era il corso di teoria.
    Il Prigioniero era la palestra.

  3. Mamma mia… mostruoso. Complimenti!

    “Ogni episodio sembrava non tener conto dei precedenti, ad ogni puntata venivano fornite al telespettatore informazioni contraddittorie, che poi successivamente venivano smentite.”

    Ah, è non è Prisoner… è LOST! ;)

Lascia un Commento

Fill in your details below or click an icon to log in:

Logo WordPress.com

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Modifica )

Foto Twitter

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Modifica )

Foto di Facebook

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Modifica )

Connecting to %s