4 commenti su “Arthur Charles Clarke – 2001: Odissea nello Spazio

  1. Non l’ho mai letto (ok, ok, mi inginocchio sui ceci appena ho un attimo ;)) e sinceramente non l’avevo mai pensato in questi termini, cioè le due facce della stessa medaglia. Infatti spesso mi capita di vedere un film tratto da un libro che non hai mai letto (e in questo caso di più che in altri) e tralasciare la lettura, perché poi temo di rovinarmi il gusto della storia che già conosco.

    Ci proverò sicuramente! Grazie.

  2. Bestemmio un po’ anch’io, via…
    Non ho ancora letto il libro e, orrore degli orrori, il film mi è piaciuto solo a metà. Ottimo dal punto di vista delle ambientazioni e della verosimiglianza scientifica, ma estremamente lento (e su questo si potrebbe soprassedere) e al tempo stesso inconcludente (su questo no). Va bé finale mistico, ma non spiegare una mazza di niente mi è sembrato un po’ ‘disonesto’ (passatemi il termine infelice).

  3. Penso che sia un libro da leggere proprio perchè è nato ed è stato sviluppato esattamente come parte di un progetto unitario col film, e quindi le due opere si completano a vicenda.
    Come dicevo poi, al di là del romanzo in sè, Clarke è sempre un piacere leggerlo :)

  4. Non l’ho mai letto. Curiosamente, ho letto invece gli ultimi due libri della serie, Odissea Tre e Odissea Finale. La ragione è molto semplice: a quell’età ero convinto che, dal momento che la storia mi era già nota, non valeva la pena leggerla. Mi sono però reso conto anch’io che l’approccio di Clarke è molto diverso, soprattutto nel fatto che lascia intravedere cosa c’è dietro i monoliti – che nel film restano misteriosi e sono lasciati all’interpretazione e al non detto. In qualche modo credo che il film tratto da Odissea Due sia più vicino alla prosa di Clarke.
    Insomma, prima o poi voglio leggerlo.

I commenti sono chiusi.