21 commenti su “Dan Simmons – Hyperion / La caduta di Hyperion

  1. La lettura di Hyperion ha cambiato la mia prospettiva su cosa avrei voluto che fosse la fantascienza. Quando ho finito di leggere il primo libro ho subito pensato: è questo che voglio leggere e scrivere! Hai scritto giusto: è un’alchimia perfetta di elementi letterari. Un modo nuovo d’intendere la scritttura, una rottura delle categorie che a volte soffocano la creatività. Imperdibile!

  2. Benvenuto anche da parte mia Francesco.
    Da sempre considero Hyperion uno degli ultimi capolavori della Sf e mi fa molto piacere scoprire di non essere il solo a pensarla così.

  3. Leggere Hyperion è una di quelle cose che ti fanno passare la voglia di scrivere fantascienza, perché “tanto a questi livelli non arriverò mai”.
    Allo stesso tempo, comunque, trovo che Hyperion non sia “per tutti”, o meglio, che sia più adatto a chi è già un lettore di fantascienza. Altrimenti molte cose andranno perse. Pur trovandolo meraviglioso, non credo che ne consiglierei la lettura a un “neofita”.

  4. Grazie mille a tutti, mi sento onorato di poter dare un piccolo contributo a questo tempio della fantascienza.

    @Angelo: Grazie a te per la pazienza e la disponibilità. Se posso rilevare una piccola pecca a livello di impaginazione nell’ultima parte ‘Provoca lettura ossessivo-compulsiva’ e ‘Scripta Manent’ sono punti distinti, e ‘Perché non leggere Hyperion e La Caduta di Hyperion’ non andrebbe in elenco puntato. Ad ogni modo sono aggiustamenti minori, se è possibile metterli a posto bene, se no fa lo stesso.

    @Munzic: Come ho detto sopra da aspirante scrittore Hyperion mi ha provocato un moto di terrore e autocompatimento, della serie ‘non riuscirò mai a essere così bravo!’
    È senza dubbio una delle opere di fantascienza più importanti in assoluto, io l’ho trovata di gran lunga superiore anche a mostri sacri come Neuromante. Tra le letture che ho intrapreso negli ultimi anni solo Dune e alcune parti de La Matrice Spezzata mi sembrano poter reggere il confronto.

  5. Bellissimo articolo e complimenti!
    Ho letto i primi due volumi due volte perché ero troppo “giova” per giovare della bellezza dell’opera. IL mio romanzo sf preferito. I due volumi seguenti non sono all’altezza dei primi ma comunque grande scrittura. Simmons è un grande. Dune lo devo rileggere che ho appena comprato la serie completa della stessa collana di hyperion, però non ho buonissimi ricordi di Sterling… anche lì devo riprendere in mano la cosa :)
    (All’epoca del cyber preferivo Stephenson che secondo me è più vicino a Simmons lui, di Sterling IMHO!)

  6. Ho appena finito il secondo volume e sono altrettanto esaltato.
    Complimenti per la bella recensione!

  7. Buonasera a tutti, da vecchio lettore famelico di sf, il ciclo di Hyperion è un must al quale non ho ancora ovviato. Quest’ennesima recensione mi da lo sprone definitivo!

  8. Ho letto i primi due libri del ciclo, ovvero quelli di cui hai parlato nell’articolo, e mi sono piaciuti, Simmons sicuramente sa come scrivere. Anche se bisogna dire che così come il romanzo è una sorta di raccolta di racconti, anche Simmons un pò per così dire “fa il furbo” e sfrutta questa cosa per raccogliere un insieme di ambientazioni e cliché già sperimentati. In ogni caso, visto il risultato, su questo si può soprassedere.

    E me li sono goduti anche perchè ora i libri sono stati ripubblicati da Fanucci, io invece qualche anno fa per rimediare le vecchie edizioni Mondadori ho dovuto faticare non poco! Quindi si è trattato di una soddisfazione doppia.

  9. @Stefano: infatti a livello di ‘innovazione’ fantascientifica l’ambientazione di Hyperion non è particolarmente visionaria, ma penso che sia un effetto voluto. Personalmente ho molto apprezzato Hyperion anche perché senza scopiazzare di sana pianta riprende molti temi e cliché della fantascienza inserendoli in un tessuto che dà un affascinante senso di molteplicità e insieme organicità, non so se sono riuscito a spiegarmi. Molte cose che vediamo in Hyperion sono già state dette, ma non in maniera tanto intensa.

    @Eddy: non ho letto Stephenson. Che Sterling non sia vicino a Simmons è pacifico, però in certi punti ho trovato estremamente gustosa La Matrice Spezzata perché era come se ‘sentissi’ che i personaggi, le loro azioni, l’ambientazione e il modo stesso di raccontare erano qualcosa di non completamente umano, di transumano.

  10. Benvenuto anche da parte mia!
    Questi due libri sono sicuramente fra i miei preferiti. Non posso dire lo stesso degli altri due, ma questo è un altro discorso. Fra l’altro, li ho letti nell’edizione Mondadori con copertina rigida – quella con entrambi i libri in un volume unico e una gustosa introduzione. È stato amore a prima vista, appena ho letto “debito temporale”!

  11. Ho letto Hyperion divorandolo, pur non digerendo alcuni temi contraddittori e davvero poco plausibili. La vicenda era incredibilmente intrigante, non sapevo come potesse andare a finire, e… e…

    Manca il finale!

    Ok, tu scrivi un libro, il primo di una serie più o meno lunga. Ma un finale come quello del primo Hyperion mi ha fatto infuriare: non esiste! Arrivano lì e non succede un bel niente. Io capisco la necessità di spezzare (anche perché è già bello lungo), ma non puoi farlo in un momento totalmente anticlimatico.
    Mi sono talmente arrabbiato con Simmons che non ho mai letto il secondo! :)

  12. Hyperion e La Caduta di Hyperion non sono propriamente una serie, sono la STESSA narrazione spalmata su due libri.
    A volte si trova di peggio, comunque. Mi sono liberato di alcuni libri di Peter Hamilton anche per questo (in realtà il motivo principale è che Hamilton ha tanta fantasia quanto incapacità di usarla, ma quello di certo non ha aiutato).

  13. Mi sono capitati spesso davanti agli occhi in libreria questi due titoli, ma devo essere sincero non me ne sono mai interessato. La lettura della trama non mi aveva colpito granchè, inoltre nutro profondo astio nei confronti delle saghe che annoverano più di 2 titoli. Mi sento costretto, in un certo senso, ad una maratona letteraria che col passare del tempo allontana il piacere della lettura sostituendola sempre con il “dover leggere” a tutti i costi gli altri capitoli per sapere come finisce/non finisce la storia.

    Comunque, complimenti per la bella ed appassionata recensione.

    Vorrei porvi una domanda:
    di recente ho avuto modo di rivedermi la saga di Battlestar Galactica, con mio grandissimo piacere ( anche se tutte le volte che vedo l’ultima stagione, soprattutto la conclusione, vengo pervaso da uno stato di vuoto cosmico e profonda ansia. Sarà perchè è finita la serie e perchè non condivido la scelta del finale, ma mi ci vuole sempre qualche giorno per liberarmi dalla malnconia) e vi chiedo se conoscete, se esiste, un romanzo che tratti tematiche simili?? Se esiste qualcosa di paragonabile al telefilm o che comunque lo ricordi per certi aspetti.

    • Questi due capitoli di Hiperion potrebbero essere il romanzo che cerco? Posso fermarmi a questi due titoli o è necessario leggersi anche gli altri sequel??

      P.S. – perdonatemi, non sapevo come modificare l’ultimo messaggio.

      • Non so se i romanzi di Simmons siano quello che cerchi. In compenso possono essere letti “solo” i primi due senza grossi problemi. Il fatto è che, sapendo che ce ne sono altri, prima o poi li si va a vedere. :-)

  14. Sarebbe bello poter leggere la caduta di hyperion… ho letto il primo e non riesco a trovare, ho gia setacciato una decina di librerie, il secondo. E fanucci ce l’ha in ristampa, ma da mesi…

I commenti sono chiusi.